Oltre

In questa consumazione languida, senza misure
Vedo signore con cravatte dei mariti senza cura
Persone che passano in quel luogo magico
senza averne alcun diritto e neanche paura
Persone che passano oltre
senza alcuna ragione
Senza diritto alcuno il mondo si accaparra
la sua fetta di colpa
Insieme ai corvi della notte colgo i grappoli
della depressione marcia
nelle vene dei miei imperituri cittadini
Qui in questa consumazione lenta, senza misure
mentre marciano i tenebrosi cuori neri verso il fronte
senza paura.

 

16 maggio 1996

Legami nascosti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.