Come se percepissi la tua presenza e la tua assenza a distanza

Sapevo
che avrei sentito di nuovo
quel senso di mancanza come un’azione cubica
impiantata tra le emozioni e l’intestino
In quei momenti, in cui senti il ticchettio
delle ruote dentellate innescare la deflagrazione
ed aprire la parete nascosta sull’inudibile
prova ad incoccare una freccia
proprio in quel momento
ed essa giungerà dritta al bersaglio
–––––––––––– purché tu ––––––––––––
sia consapevole
del respiro insito
nella struttura conoidale dell’inseguimento d’amore
per liberare le cinque consorelle svegliate
per l’attimo di Percezione
Sapevo
che avrei sentito di nuovo…

Legami nascosti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.