Alterazioni

Lamentarsi è inutile
ma so solo piangere
Non c’è uscita da qui, eppure è un luogo aperto
Non c’è chiusura alcuna
ma tutto è uguale dove sono
e se le anime fossero luoghi
ognuna sarebbe ripetizione frattale della mia
Nell’insieme siamo soli
tra diversità nessuna Alterazioni infinito
ad aspettare la morte
a sperare
che sia già passata
Ne abbiamo i segni addosso
e attorno a noi, e nel nostro cuore
Stringiamo i denti forte
sperando in un po’ di dolore
per provare a sentire di nuovo
ciò che in un attimo ci è stato tolto
L’amore l’odio il dolore
e siamo svuotati come il cielo distrutto
siamo spezzati come le ossa della terra
consumati dalla battaglia
Malinconia, gemme di tristezza
ecco, lo sento
il mio cuore si spezza
Ma tanto è inutile
è già tutto passato
ne vedo le tracce
su ogni volto rigato.

 

30 ottobre 1996

Legami nascosti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.